testata


Foto di Federico Valacchi
Federico Valacchi

Università degli studi di Macerata
L'archivista contemporaneo: un mutante nel caleidoscopio digitale?



Il fenomeno digitale impatta sugli archivi in maniera articolata e pervasiva e impone ai "mediatori" documentari di adeguarsi a nuove strategie di gestione, conservazione e uso. Nascono e si sviluppano innanzitutto archivi informatici che danno luogo a fenomenologie archivistiche del tutto nuove e impongono comportamenti altrettanto innovativi soprattutto per ciò che concerne la dimensione di accesso e conservazione.
Si sbriciolano poi, per effetto della progressiva dematerializzazione gli stessi archivi storici sempre più oggetto di campagne di digitalizzazione che li delocalizzano e in molti casi ne ridefiniscono gli assetti, generando "neoarchivi" che riproducono solo parzialmente i fondi di provenienza ma figurano comunque sul web in quanto "archivi".
Per queste ragioni gli strumenti e le azioni degli archivisti tendono a modificarsi così come devono essere valutati sotto una nuova luce presupposti metodologici come quello del vincolo o della natura e degli obiettivi della cosiddetta descrizione archivistica.
 

News



    In collaborazione con:  
Regione Lombardia. Istruzione, formazione e cultura  Comune di Milano- Biblioteche Biblioteche oggi. Mensile di informazione e dibattito   AIB (Associazione Italiana Biblioteche) Goethe Institut Mailand United States Embassy to Italy Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori AIE Biblioteca Europea di Informazione e Cultura Fondazione Stelline Associazione Biblioteche oggi