testata
RISERVATO ESPOSITORI
EXHIBITORS ONLY
facebook
twitter


Foto di Sören Auer
Sören Auer

Cattedra di Sistemi Informativi per l’Industria, Università di Bonn
Il nuovo ruolo delle biblioteche in un mondo di scienza open e partecipativa, crowdsourcing e web data semantici
 



Per centinaia di anni le biblioteche hanno detenuto una sorta di monopolio della condivisione della conoscenza.
Con Internet, il crowdsourcing, la scienza open e partecipativa, e i web data, le biblioteche devono reinventarsi per restare in gioco.
In questo intervento illustreremo in particolare i recenti sviluppi nell'area dei linked data.
Vedremo come i linked data possono contribuire a rendere le biblioteche e i loro ricchi contenuti qualitativi più accessibili, interconnessi e interessanti.
Con l'evoluzione del web da medium per lo scambio di documenti a medium per uno scambio di dati sempre più facile, le biblioteche (digitali) si trasformeranno da depositi di documenti in poli di conoscenza.
Analizzeremo alcune sfide e opportunità su questa strada.
 


Il Prof. Sören Auer è titolare della cattedra di Sistemi Informativi per l’Industria presso l’Università di Bonn ed è direttore di un gruppo di ricerca presso il Fraunhofer-Institut für Intelligente Analyse- und Informationssysteme.
Sören è attivo nei seguenti campi: tecnologia del web semantico e sociale, ingegneria della conoscenza, oltre a database e sistemi informativi.
Sören dirige il progetto europeo LOD2 nell'ambito del progetto integrato EU-FP7-ICT.
È cofondatore di progetti di ricerca e collaborativi come DBpedia, SlideWiki.org, LinkedGeoData e OntoWiki.


News



    In collaborazione con:  
Regione Lombardia. Istruzione, formazione e cultura Provincia di Milano - Cultura  Comune di Milano- Biblioteche Biblioteche oggi. Mensile di informazione e dibattito   AIB (Associazione Italiana Biblioteche) United States Embassy to Italy Goethe Institut Mailand Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori Biblioteca Europea di Informazione e Cultura Fondazione Stelline Associazione Biblioteche oggi