testata
RISERVATO ESPOSITORI
EXHIBITORS ONLY
facebook
twitter


Foto di Giuseppe Vitiello
Giuseppe Vitiello

Head Library & Knowledge Centre, NATO Defense College, Roma
Dall’organizzazione degli oggetti alla gestione dei corpi di conoscenza: lo studio di un caso
 



"La biblioteca è conversazione", asserisce David Lankes, nel suo Atlas of New Librarianship.
Vero, ma una volta assicurato il canale, attraverso blogs e social networking tools, su che cosa discorrere, visto che nella conversazione il bibliotecario non può certo aspirare, per difetto di conoscenza, al ruolo di Moderatore di lista o di autorevole opinionista ("Thought Leader")?
Al Library and Knowledge Centre del NATO Defense College abbiamo smesso di organizzare oggetti.
Certo, ancora ci dedichiamo all’acquisto di materiali, cartacei ed elettronici.
Come tutte le biblioteche del mondo, ancora produciamo un catalogo. Abbiamo però smesso di credere che sia questo il centro della nostra missione.
Oggi, all’LKC, un oggetto registrato, una transazione, hanno senso unicamente se inseriti in una conversazione, dove vi entrano in qualità di link, allegato, o riferimento.
Il nostro patrimonio già non è più nel posseduto, ma nello straordinario Extranet delle risorse libere dei think tanks, dei video su YouTube, delle aggregazioni di oggetti presenti nelle basi di dati e nelle collezioni digitali, insomma nel patrimonio, liquido e anzi alluvionale, che incalza sulle limitate risorse interne bibliotecarie.
Al NDC-LKC il nostro compito oggi è inseguire narrazioni. Lo facciamo a partire dai “corpi” di conoscenza.
Non tragga in inganno il termine: i corpi non sono i corpora, nell’accezione medievale di collezioni.
Si tratta di corpi in carne ed ossa, della mente e del cuore di esseri umani portatori di conoscenza e dunque legittimati a partecipare e condurre conversazioni. Le quali possono avvalersi anche, ma non esclusivamente, di risorse documentali.
La relazione ripercorre le tappe tecniche, amministrative e anche umane, di questa esperienza: i mutamenti organizzativi, la riqualificazione del personale, i contenuti delle conversazioni, le comunità di pratiche e gli obiettivi tecnologici raggiunti.
Si sofferma anche sulle dinamiche organizzative interne al NDC e sugli argomenti utilizzati per piegarle e orientarle a favore del progetto di ristrutturazione.
Viene illustrato insomma il lavoro svolto dal momento in cui si affermò l’idea di una nuova missione per la biblioteca del NDC e, in genere, per le biblioteche di ricerca.
 

News



    In collaborazione con:  
Regione Lombardia. Istruzione, formazione e cultura Provincia di Milano - Cultura  Comune di Milano- Biblioteche Biblioteche oggi. Mensile di informazione e dibattito   AIB (Associazione Italiana Biblioteche) United States Embassy to Italy Goethe Institut Mailand Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori Biblioteca Europea di Informazione e Cultura Fondazione Stelline Associazione Biblioteche oggi