testata
RISERVATO ESPOSITORI
EXHIBITORS ONLY
facebook
twitter


Si è conclusa la diciannovesima edizione del Convegno delle Stelline "La biblioteca connessa" e di Bibliostar, esposizione di servizi, tecnologie e arredi per le biblioteche.

L'evento ha riscosso grande successo. La qualità del programma principale, l'attualità dei temi affrontati nelle sessioni, il livello scientifico, oltre agli stimoli offerti dalle iniziative collaterali, hanno costituito un forte richiamo, che ha permesso di raggiungere le oltre 2.000 iscrizioni nell'arco di due giornate.

Nella rivista Biblioteche oggi ritorneremo sul convegno, sui suoi esiti e sugli interventi che si sono succeduti.

Segnaliamo che sono ancora disponibili copie del fascicolo, curato dall'Associazione Biblioteche oggi, che raccoglie i testi delle relazioni delle cinque sessioni principali. Gratuite per gli iscritti all'Associazione, possono essere ordinate da tutti gli altri a segreteria@associazionebibliotecheoggi.it versando, a titolo di rimborso spese, la quota di € 12,00. (è possibile anche acquistarle in formato pdf al prezzo di € 5,99).

Vogliamo qui ringraziare tutti coloro che non hanno voluto mancare a questo appuntamento e in particolare i numerosi giovani che hanno partecipato per la prima volta.

Vi aspettiamo tutti nel 2015 per un'edizione speciale: la ventesima.
 
L'impatto dei social network sulle biblioteche

Il Convegno delle Stelline ha sempre riservato grande attenzione agli aspetti innovativi, spesso favoriti dalle trasformazioni tecnologiche, che hanno avuto un impatto sulle biblioteche incidendo sulle loro strategie di servizio e sui loro modelli culturali di riferimento.

Già nelle due precedenti edizioni – dedicate rispettivamente ai "nuovi alfabeti della biblioteca" e al tema della "condivisione" – si è cominciato ad analizzare il comportamento delle biblioteche di fronte allo sviluppo dei social network.

Con il Convegno "La biblioteca connessa" si è voluto affrontare con sistematicità e approfondire in ogni suo aspetto il ruolo che la biblioteca può giocare nella dimensione "social" mettendosi a sua volta in gioco.

Il ruolo delle biblioteche si configura sempre più come quello di network di servizi e contenuti, assai più differenziati e complessi di quanto non accadesse qualche decennio fa, acquisendo una nuova funzione di "mediazione informativa" e di connessione. Questa evoluzione ha nel processo di transizione al digitale una componente di particolare rilievo.
In tale contesto i social network hanno un doppio ruolo: aggregatori di informazioni eterogenee ma rilevanti e articolate, alle quali l'utenza deve poter accedere in maniera competente e che devono essere ormai trattate come informazioni di diretto interesse anche bibliotecario, e spazio comunicativo e informativo al cui interno la biblioteca deve a sua volta sapersi muovere, attraverso la produzione di informazione efficace, ricca, puntuale.
I social network sono dunque per la biblioteca nello stesso tempo spazio di informazioni che è importante saper selezionare, organizzare e rendere disponibili e spazio attraverso cui avvicinare e informare l'utenza, promuovere la lettura, comunicare. L'obiettivo è quello di ridefinire il rapporto tra struttura e socialità, favorendo la transizione dall'organizzazione abituale al senso di comunità. Il futuro delle biblioteche passa anche attraverso questi strumenti, e su questi strumenti per le biblioteche e i bibliotecari è importante saper riflettere.

Di particolare importanza la presenza nel programma di relatori stranieri provenienti da Stati Uniti, Germania, Francia e Inghilterra, dove le esperienze di uso dei social network nella pratica delle biblioteche ha visto affermarsi eccellenze e buone pratiche.

Il convegno si è articolato in sei sessioni, di cui alcune si sono svolte in parallelo: alla sessione di apertura dedicata agli scenari, hanno fatto seguito nel pomeriggio due sessioni parallele che sono entrate nel merito, rispettivamente, dell'impatto dei social network sulle biblioteche pubbliche e su quelle accademiche. Nella mattina di Venerdì 14 marzo due sessioni parallele hanno affrontato tematiche fra loro molto diverse: la prima, di taglio biblioteconomico e scientifico, ha esaminato i diversi aspetti della connessione che in ambiente digitale la biblioteca può favorire ai diversi livelli della conoscenza, dell'informazione e della ricerca; la seconda ha messo a confronto in una sorta di tavola rotonda figure diverse di utilizzatori di social network nella loro quotidianità: operatori della filiera del libro, autori, lettori. Nel pomeriggio di Venerdì sono state prese in esame le "Nuove sfide" che attendono le biblioteche che impegnate a ridefinire le proprie strategie al tempo dei social network.
News



    In collaborazione con:  
Regione Lombardia. Istruzione, formazione e cultura Provincia di Milano - Cultura  Comune di Milano- Biblioteche Biblioteche oggi. Mensile di informazione e dibattito   AIB (Associazione Italiana Biblioteche) United States Embassy to Italy Goethe Institut Mailand Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori Biblioteca Europea di Informazione e Cultura Fondazione Stelline Associazione Biblioteche oggi