testata


 
Foto di Simona Turbanti
Simona Turbanti

Università di Pisa

(con Fabio Venuda)
Co-operative cataloguing, interoperabilità bibliografica e qualità dei cataloghi



Già nella metà del XIX secolo, Charles Coffin Jewett, preoccupato dallo spreco di tempo, professionalità e risorse richiesto ai bibliotecari di tutto il mondo, impegnati nel catalogare ciascuno le copie di uno stesso libro, elabora un progetto per facilitare la circolazione dei dati catalografici e la creazione dei cataloghi a stampa in forma di volume nelle singole biblioteche mediante la tecnica della stereotipia. In tal modo, Jewett immagina anche di poter realizzare un "general printed catalogue" o, perché no, una bibliografia universale. Venticinque anni dopo, Melvil Dewey riprende nuovamente la questione, presentando alla prima conferenza dei bibliotecari americani una mozione sull'avvio delle attività di co-operative cataloguing. Per entrambi la condizione necessaria per la circolazione delle notizie bibliografiche risiedeva nella disponibilità di precise e condivise regole catalografiche, senza lasciare "nulla, per quanto possibile, [...] alla discrezione o al giudizio del catalogatore". Se dovessimo fare oggi un bilancio del percorso fatto e del livello di interoperabilità bibliografica raggiunto dai cataloghi e valutare la qualità dei dati che li popolano, cosa emergerebbe? Offrire al lettore dati completi, accessibili, interrogabili e riutilizzabili, per le biblioteche non è una finalità secondaria rispetto al rendere disponibili le collezioni. In scenari sempre più dominati da evoluzioni tecnologiche, reali o presunte, un catalogo di qualità rimane il cuore della biblioteca che cresce: senza uno "snodo" efficace tra quello che la biblioteca e la Rete mettono potenzialmente a disposizione di tutti i cittadini e i bisogni informativi di ciascun utente, non può essere concepito alcun servizio.
 

 
Simona Turbanti, bibliotecaria presso il Sistema bibliotecario di ateneo dell'Università di Pisa, ha conseguito il dottorato in scienze documentarie, linguistiche e letterarie - curriculum in scienze librarie e documentarie presso La Sapienza Università di Roma. Docente a contratto presso vari atenei e coinvolta in vari progetti di ricerca nazionali e internazionali nell'ambito delle scienze del libro e dell'information science, è autrice di Manuale pratico di catalogazione, con Alberto Petrucciani (2006), REICAT (2016), Bibliometria e science del libro (2017), Strumenti di misurazione della ricerca (2018) e numerosi saggi e contributi apparsi sulle principali riviste professionali e scientifiche italiane.


News




Per essere sempre aggiornato iscriviti alla newsletter
 
    In collaborazione con:
Regione Lombardia. Biblioteche e archivi Comune di Milano - Biblioteche Biblioteche oggi. Mensile di informazione e dibattito   AIB (Associazione Italiana Biblioteche) United States Embassy to Italy Goethe Institut Mailand Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori AIE Biblioteca Europea di Informazione e Cultura GIDIF-RBM avi Fondazione Stelline