testata


 
Foto di Matilde Fontanin
Matilde Fontanin

Università di Trieste, Sistema bibliotecario di ateneo
Complessità dell'ecosistema informativo e cittadinanza attiva: la mediazione dei bibliotecari



Chi sono i cittadini attivi? Di quale informazione hanno bisogno e da dove la prendono? Come fanno a districarsi nella giungla dell'overload informativo causata dal proliferare dei canali social per la diffusione dell'informazione? Come fanno a difendersi dalla mala-informazione? Trovare, valutare e comprendere l'informazione che serve a chi partecipa attivamente alla società richiede la capacità e la motivazione ad uscire dal rumore informativo e tuffarsi nella complessità dell'organizzazione documentale, che va compresa con uno sforzo.
L'informazione corrente è prodotta dai giornali, le biblioteche non possono competere con la velocità del mondo delle notizie dove secondo alcuni la velocità a volte domina anche sull'accuratezza quindi quello non è un posto per bibliotecari. Tuttavia, essi possono agire in modo creativo, mossi dall'etica e liberi di sperimentare creativamente, e in sinergia con altri attori della scena, dalle scuole alle istituzioni, possono dare il loro contributo ad educare alla ricerca del pensiero critico.
Davide contro Golia? Certo, ma non è detto che la vittoria del gigante sia totale.
 

 
Bibliotecaria accademica dal 1995 con formazione linguistica, Matilde Fontanin è in servizio presso l'Università degli Studi di Trieste Sede di Gorizia, e attualmente frequenta il secondo anno del Dottorato in Scienze documentarie, linguistiche e letterarie, curriculum di Scienze del libro e del documento presso l'Università La Sapienza a Roma, con una tesi sul ruolo delle biblioteche nell'educazione al pensiero critico nel mondo dell'informazione digitale, della disinformazione e delle Fake News.
Membro dell'Osservatorio Formazione AIB dal 2014 al 2018, consulente dello Standing Committee IFLA Continuing Professional Development and Workplace Learning, autrice di "The flexible librarian: English @t the circulation desk" e co-autrice, insieme a Patrizia Lùperi e Manuela De Noia de "Il portfolio delle competenze: un nuovo strumento per il professionista dell'informazione", per i tipi delle edizioni AIB, ha tradotto in italiano il manifesto IFLA "How to spot fake news" (Riconoscere le false notizie). Ha pubblicato diversi articoli, alcuni su AIB Studi, rivista per la quale collabora alla redazione in qualità di traduttrice.


News




Per essere sempre aggiornato iscriviti alla newsletter
 
    In collaborazione con:
Regione Lombardia. Biblioteche e archivi Comune di Milano - Biblioteche Biblioteche oggi. Mensile di informazione e dibattito   AIB (Associazione Italiana Biblioteche) United States Embassy to Italy Goethe Institut Mailand Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori AIE Biblioteca Europea di Informazione e Cultura GIDIF-RBM avi Fondazione Stelline